Il broker

Il broker assicurativo

 L’attività del broker è regolamentata dalla  legge ed è controllata dall’Istituto di  Vigilanza (IVASS).

Il Broker opera mediante un contratto  (detto “contratto di brokeraggio”) con il  cliente, in forza del quale il broker si  assume l’impegno d’individuare le  compagnie di assicurazione maggiormente idonee a soddisfare le esigenze di copertura dei rischi, nonché a intermediare la stipulazione delle relative polizze in termini vantaggiosi per il cliente e, successivamente, a gestire i rapporti tra il cliente e le compagnia, provvedendo anche a curare gli adempimenti.

Il cliente è tutelato dal broker nelle seguenti attività:

  • 1. prima di tutto dalla professionalità del broker stesso e dalla sua iscrizione nel registro (che comporta anche il controllo dell’IVASS);
  • 2. inoltre il broker è obbligatoriamente coperto a propria volta da un’assicurazione di Responsabilità Civile Professionale per eventuali danni ai clienti;
  • 3. infine, per l’eventuale inoperatività della polizza individuale, l’attività del broker è assistita da un apposito fondo di garanzia costituito presso l’IVASS;
  • 4. a maggior garanzia del Cliente è obbligatoriamente prevista per legge la separazione patrimoniale delle somme destinate a pagamento dei premi, che devono confluire in un apposito conto separato.

 

  • L’INTERESSE PERSEGUITO DAL BROKER

    Il broker opera nell’interesse del proprio cliente dal quale riceve un incarico di consulenza e di assistenza nei rapporti con le compagnie di assicurazione e in genere per tutte le problematiche e le pratiche di natura assicurativa.

    Il broker rappresenta il proprio cliente nei rapporti con le compagnie:

    • nella fase della ricerca delle coperture dei rischi;
    • nella fase delle trattative e della stipulazione delle polizze;
    • nella fase della gestione dei rapporti già stipulati.

    Il broker instaura con i propri clienti dei rapporti - caratterizzati soprattutto dall’elemento fiduciario.

    Il broker è dunque un professionista:

    • particolarmente qualificato che opera secondo rigorosi criteri di legge
    • iscritto dopo un severo esame ad apposito Registro pubblico (RUI)
    • soggetto ad organo pubblico di vigilanza (IVASS)

    Soprattutto, il broker è un professionista indipendente non legato da rapporti di dipendenza o di lavoro o subalternità di altro tipo con le compagnie assicuratrici.

  • LA DIFFERENZA TRA IL BROKER ASSICURATIVO (INTERMEDIARIO ASSICURATIVO) E L’AGENTE ASSICURATIVO

    L’indipendenza è proprio la caratteristica che distingue il “broker” da quello che viene definito “agente” d’assicurazione.

    L’agente infatti:

    • è legato da un particolare rapporto con la compagnia d’assicurazioni;
    • rappresenta la compagnia, per la quale raccoglie e stipula i contratti e le polizze;
    • riceve il proprio compenso dalla compagnia d’assicurazione;
    • deve render conto del proprio operato alla compagnia.

    Il broker, al contrario:

    • è legato al cliente ed opera nell’interesse esclusivo del cliente;
    • risponde del suo operato verso il cliente e non verso la compagnia;
    • sta dalla parte dell’assicurato mentre la compagnia è controparte contrattuale.

    Il broker consiglia e assiste il cliente in virtù del suo rapporto diretto ed eminentemente fiduciario con lo stesso.

  • I RAPPORTI DI BROKERAGGIO

    Il broker può instaurare vari rapporti con i propri clienti, corrispondenti ai servizi resi, che devono trovare esplicazione in contratti scritti e che possono comprendersi nella più vasta figura del contratto di brokeraggio.

    Nel rapporto di brokeraggio le prestazioni del broker possono essere più o meno estese, a seconda delle esigenze e delle scelte del cliente:

    • dalla semplice consulenza sui rischi presenti sino all’individuazione e reperimento della compagnia;
    • dall’assistenza alla stipulazione delle polizze, alla “costruzione” di appositi pacchetti assicurativi o di pool di compagnie;
    • dall’analisi e contrattazione delle condizioni normative ed economiche delle coperture, sino all’assistenza nella gestione dei sinistri, ecc.

    Il contratto di brokeraggio:

    • stabilisce precisamente quali servizi il broker è tenuto a fornire al cliente;
    • definisce i doveri e le prestazioni del broker verso il cliente;
    • conferisce il mandato per l’eventuale trattativa con le compagnie;
    • stabilisce i tempi di durata del rapporto e la possibilità per il cliente di recedere.